Der Bundesratskandidat
29/03/2017
Efficienza energetica e lavoro alle imprese
17/05/2017

Dica trentatré!

Il medico pone le mani sul torace del paziente e lo esorta a pronunciare il fatidico numero. “Dica trentatré!” – afferma con autorevolezza.  Sta controllando il fremito trasmesso dal sistema respiratorio. “Vediamo se è tutto a posto” – aggiunge concentrato. Un semplice trentatré, pacato e intenso, tranquillizza medico e paziente.

Trentatré è il distacco di voti personali tra il candidato PPD Raffaele De Rosa e il nostro PLR Alberto Pellanda alle elezioni del nuovo comune di Riviera: 1’110 il primo e 1’077 il secondo. Poco meno del 3% dei suffragi. Suvvia, un misero 3% ci permetterebbe di superare l’avversario!

Fidatevi del vostro medico. Dite trentatré a tutti i vostri vicini, parenti, amici e conoscenti ed è fatta: abbiamo il sindaco! Trentatré diventa sinonimo di Alberto Pellanda. Che se poi tra i vicini c’è qualche svizzero-tedesco, abbiamo il vento in poppa. Infatti nella lingua di Goethe il medico non dice 33 ma 99: “Neunundneunzig”. Tombola! Il sorpasso è assicurato.

Lasciate perdere invece l’inglese. La lingua di Shakespeare ci è poco utile. Infatti in America il medico non dice trentatré, ma “blue balloons”. Sarebbe un bel problema. Sui colori infatti non è ancora stata scritta l’ultima parola: in Ticino il blu resta il colore del PPD, anche se ormai l’arancione lo ha soppiantato a livello svizzero, in barba ai mugugni della Migros. Il gigante arancione infatti continua a non gradire di essere ridotta entro i confini di un solo partito. Senza dimenticare che il blu è ormai la tinta liberale. Ma resta un po’ di confusione.

Lasciamo dunque perdere i colori e torniamo ai numeri. Trentatré voti preferenziali per vincere il ballottaggio. Trentatré come gli anni di Cristo o i giorni del pontificato di Papa Giovanni Paolo I. Accidenti devo trovare qualcosa di meno PPD! Nella teoria dei bioritmi di Swoboda il ciclo Intellettuale dura 33 giorni e influenza la logica, il ragionamento e la vivacità mentale. Ecco, abbiamo bisogno di vivacità, mentale e fisica. Mentale per raccontare vita e miracoli di Alberto Pellanda in paese (senza esagerare con i pettegolezzi!) e fisica per spostarci rapidamente da una postazione all’altra. Perché vince chi fa trentatré volte il giro del paese e conquista i pigri, gli sbadati o quelli che “la politica non m’interessa”. Che su 2’390 iscritti a catalogo sono ancora il 30%, non proprio un’inezia. 723 cittadini del nuovo Comune, che quel fatidico 2 aprile mancavano all’appello: a caccia dunque, andiamo a stanarli e a portarli all’urna. Ricordando loro il trentatré del medico. Fatelo per la loro salute! Facciamolo tutti insieme per la nostra salute – che in latino significa anche salvezza, integrità, incolumità. Perché un futuro ispirato ai valori liberali garantisce a noi e ai nostri figli quel Paese di successo e di stabilità che è la Svizzera. Spalle indietro e avanti tutta con le trentatré vertebre della colonna vertebrale allineate tutte sul nostro Alberto Pellanda!

Dott. Ignazio Cassis, Consigliere nazionale

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

dix-sept − 10 =